San Giovanni in Fiore, il Consiglio comunale approva il Psc, “fatto storico, da cui – dice la sindaca Succurro – deriveranno grandi opportunità di sviluppo per la città e l’intero territorio”

Dettagli della notizia

Il 20 dic. 2022 ricordato come data st. Il Consiglio comunale unanimemente approva il PSC dopo anni. Saranno straordinarie opportunità di rilancio, sostenibilità e di recupero del patrimonio locale. Grandissima soddisfazione di Sindaca e Prof. De Luca per il traguardo raggiunto.

Data:

21 Dicembre 2022

Tempo di lettura:

Descrizione

«Il 20 dicembre 2022 sarà ricordato come data storica. È infatti il giorno in cui il Consiglio comunale ha adottato all’unanimità il Psc, il cui iter era rimasto fermo per tanti, troppi anni». Lo afferma, in una nota, la sindaca di San Giovanni in Fiore, Rosaria Succurro, che in proposito ringrazia «il professore Giuseppe De Luca, concittadino e direttore del dipartimento di Urbanistica dell’Università di Firenze, e il suo gruppo di lavoro perché hanno redatto un Piano strutturale all’avanguardia e di grande valore e
impatto economico e sociale». «Per San Giovanni in Fiore e il relativo territorio ne deriveranno – spiega la sindaca Succurro – straordinarie opportunità di rilancio e di sviluppo partecipati, nella direzione, da noi già tracciata, della sostenibilità, del recupero del patrimonio immobiliare, dell’incremento del turismo di tendenza e
delle esperienze nonché della valorizzazione delle risorse locali». A proposito dell’approvazione del Piano strutturale comunale di San Giovanni in Fiore, la sindaca Succurro parla di «traguardo di enorme importanza» ed esprime «gratitudine a tutto il Consiglio comunale per il risultato memorabile, perseguito con acume politico e forte
determinazione». «Questo Piano strutturale comunale – precisa De Luca – guarda ai vantaggi dell’essere dentro il Parco nazionale della Sila, punta alla ristrutturazione e al recupero degli immobili esistenti, scommette sul valore economico dell’ambiente, del rilancio dell’identità locale, del centro storico e del patrimonio pubblico». «Tra l’altro, con questo strumento, che presto diventerà operativo, diciamo No – conclude la sindaca Succurro – a nuovi casermoni di cemento e Sì all’energia e all’economia verde e
circolare, alle produzioni materiali e immateriali basate sulla tradizione e vocazione del luogo, sul capitale di natura e cultura del nostro Comune e del suo intero, vasto comprensorio».

Ultimo aggiornamento: 21/12/2022, 00:00

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli?2/2

Inserire massimo 200 caratteri