La sindaca Succurro annuncia l’imminente apertura del centro polivalente N&N, “all’Olivaro questa moderna struttura sociale di interazione fra nonni e nipoti, memoria storica e mondo digitale”

Dettagli della notizia

A San Giovanni in Fiore sta per aprire il centro polivalente N&N per nonni e nipoti, che promuoverà scambio e confronto tra anziani e nativi digitali grazie a finanziamenti per un totale di circa 200 mila euro. In combinazione con altri 5 milioni di euro destinati all'inizio del mandato per favorire l

Data:

04 Luglio 2023

Tempo di lettura:

Descrizione

«Presto nel quartiere Olivaro apriremo il centro polivalente N&N, che avrà un’importante, moderna funzione pedagogica e sociale. Sarà infatti un luogo di aggregazione per nonni e nipoti, di interazione quotidiana tra generazioni diverse, di scambio e confronto tra gli anziani, che sono la memoria storica della città, e i nativi digitali, che invece sono abituati a utilizzare gli archivi della rete Internet e dei dispositivi elettronici. Lì, grazie al recupero intelligente di un immobile comunale, gli anziani giocheranno insieme ai più piccoli, che a loro volta insegneranno loro le basi e le applicazioni più utili dell’informatica». Lo annuncia la sindaca di San Giovanni in Fiore, Rosaria Succurro, che spiega: «Nel merito abbiamo ottenuto un finanziamento di circa 200mila euro, in aggiunta ai quasi cinque milioni che, dall’inizio del nostro mandato, abbiamo avuto per le politiche sociali e con cui abbiamo già costruito un modello di città accogliente, inclusiva, dialogante e a misura di persona, in cui nessuno deve restare indietro». «In particolare, l’Olivaro – prosegue la sindaca Succurro – è il quartiere più popoloso di San Giovanni in Fiore ed è già oggetto di una complessiva riqualificazione con nuovi alloggi di edilizia popolare, parchi per bambini e campi per la pratica di vari sport. Realizzare lì un centro polivalente per nonni e nipoti e per lo scambio reciproco di esperienze e conoscenze, significa investire ancora di più nella crescita della comunità locale, dare un fondamentale ruolo educativo ad un’area periferica che non può più essere sottovalutata e abbandonata». «Tra l’altro, in questa struttura non ci saranno – conclude la sindaca Succurro – barriere architettoniche e impedimenti per disabili, a conferma della nostra attenzione nei loro riguardi». 

Ultimo aggiornamento: 04/07/2023, 00:00

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli?2/2

Inserire massimo 200 caratteri