Comune di San Giovanni in Fiore (Provincia di Cosenza) » Conosci la cittĂ  » Cultura » Centro Internazionale di Studi Gioachimiti

Centro Internazionale di Studi Gioachimiti

CENTRO STUDI GIOACHIMITI

 

Nel 1950 la medievalista inglese Marjorie Reeves, ritenuta la più grande conoscitrice del pensiero di Gioacchino, durante un suo viaggio di studio a San Giovanni in Fiore ebbe modo di notare, con non poca perplessità, quanta negligenza e quanto disinteresse regnasse in quel tempo nella comunità silana, nei confronti della storia, del messaggio e dei luoghi legati alla figura di Gioacchino da Fiore. Anni dopo, in occasione del primo Congresso di studi Gioachimiti tenutosi nel 1979, la ricercatrice prese atto di una realtà profondamente diversa da quella degli anni ’50: “la mia prima impressione fu di sentire rinnovato l’orgoglio per l’abate… Gioacchino era entrato ancora una volta nella memoria del popolo. Da quel momento in poi la comunità del grosso centro silano riscopriva e rivalutava compiutamente la propria memoria collettiva, il proprio passato, la propria storia. La prima grande conquista per il popolo florense fu l’istituzione del Centro Internazionale di Studi Gioachimiti diventato nel tempo il punto di riferimento, di collegamento e di promozione delle ricerche sull’Abate.

 

Dal 2 dicembre del 1982, anno della sua costituzione, il Centro svolge un’intensa attività scientifica e divulgativa, editoriale e convegnistica, formativa e didattica, sul messaggio dell’illustre profeta, riconosciuto solennemente quale legittimo interprete dell’identità collettiva sangiovannese. Istituito con il patrocinio delle Amministrazioni comunali di San Giovanni in Fiore, Celico e Luzzi, ha ottenuto l’adesione nel 1985 della Comunità Montana Silana e dell’Amministrazione Provinciale di Cosenza. La Regione Calabria, principale fonte di finanziamento del Centro, ha riconosciuto il centro con Legge n. 11 del 25/1/1989 e il Ministero per i Beni culturali lo ha annoverato tra gli Istituti di rilevante interesse scientifico e culturale, infine tra il 2001 e il 2002 vi hanno aderito altresì i comuni di Carlopoli e di Pietrafitta. L’abate Gioacchino è diventato, nel corso degli ultimi anni e soprattutto per merito del centro, uno degli autori più studiati della tradizione culturale italiana, paragonabile a San Francesco d’Assisi e a Dante Alighieri. Si è verificata nel corso degli ultimi decenni una straordinaria diffusione del suo messaggio e una formidabile proliferazione di testi e pubblicazioni sulla figura del profeta di Fiore: si tratta di tendenze che fanno ben sperare in un rinnovato risveglio dell’identità culturale e della coscienza storico-civile della comunità calabrese. Il Centro Studi, insediato nei locali della splendida Abbazia Florense messi a disposizione dal comune di San Giovanni in Fiore, si avvale della collaborazione di numerosi studiosi e delle più prestigiose università italiane e straniere (fra le quali il C.N.R., la Deutsche Forschungsgemeinschaft, l’Istituto Storico Italiano per il Medioevo, i Monumenta Germaniae Historica, l’Istituto Interdisciplinare di Studi sull’America Latina dell’Università di Tolosa, l’Università della Calabria, l’Accademia dei Licei e la Berlin-Brandenburgische Akademie der Wissenschaffen), che contribuiscono instancabilmente alle ricerche e agli approfondimenti che vengono presentati ai congressi internazionali, il momento di sintesi di un grande lavoro di squadra, che si tiene ogni cinque anni a decorrere dal 1979.

 

centro studi gioachimiti

 

 

Le finalità che il Centro Internazionale di Studi Gioachimiti si propone, oltre alla promozione e allo svolgimento di attività di studio e ricerca attinenti alla vita, all’opera e ai tempi di Gioacchino da Fiore, vanno dalla pubblicazione delle sue opere alla formazione e aggiornamento rivolti anche a docenti e alunni delle scuole di ogni ordine e grado, alla divulgazione delle opere attraverso la collaborazione con altre istituzioni; dall’illustrazione dei risultati delle attività svolte dal Centro, all’incremento e alla crescita degli archivi della biblioteca gioachimita, raccogliendo in forma organica fonti, documenti e testimonianze utili; dai bandi di concorso per borse di studio aperti a studiosi e specialisti, all’assegnazione di premi a studiosi che hanno dato rilevante contributo agli studi gioachimiti; dall’organizzazione ogni cinque anni di un congresso internazionale, al contributo alla valorizzazione dei beni culturali collegati alla figura dell’illustre abate di Fiore.

 

Il Centro è attualmente presieduto dal prof. Riccardo Succurro. I contributi e le sovvenzioni attraverso i quali il Centro esercita le proprie attività, vengono messi a disposizione dalle Amministrazioni Comunali di San Giovanni in Fiore, Celico e Luzzi, da altri enti pubblici e privati, dall’Amministrazione provinciale di Cosenza, dalla Regione Calabria e dallo Stato, nonché da lasciti e donazioni effettuate da persone fisiche e giuridiche o altre entrate di qualsiasi natura e provenienza. L’ultimo articolo dello Statuto del Centro Internazionale di Studi Gioachimiti prevede in caso di scioglimento del Centro che il patrimonio venga evoluto al Comune di San Giovanni in Fiore.

 

Uno degli ambiti di studio del Centro, ha interessato la ricognizione e la collocazione dei codici di Gioacchino, fino ad allora disponibili soltanto nelle ristampe anastatiche delle edizioni veneziane del 1500, oppure in opere più recenti perlopiù incomplete ed imprecise. Questo lavoro ha portato alla pubblicazione dell’Opera Omnia dell’abate, con il contributo dell’Istituto storico italiano per il Medioevo e con i Monumenta Germaniae Historica, e con il patrocinio dell’Accademia nazionale dei Lincei e della Berlin-Branderbugische Akademie der Wissenschaften.

 

Va ricordata inoltre la riproduzione della raccolta manoscritta più antica delle opere di Gioacchino, il codice 322 della Biblioteca antoniana di Padova, che ha rappresentato un eccezionale contributo nel campo della codicologia, della paleografia e della filologia di interesse non solo gioachimita. Si tratta di un bene artistico di grande valore, prodotto da un gruppo di amanuensi subito prima o subito dopo la morte dell’abate e ornato da una scrittura, in caratteri gotici, monocrome e policrome, che dimostra grande maestria nell’arte della miniatura.

La riedizione del Libro delle Figure, avviata dal Centro, ha rappresentato un ulteriore successo, poiché si tratta dell’opera di teologia figurale e simbolica del Medio Evo più conosciuta ed importante. Nelle stupende tavole incluse nella raccolta, è perfettamente illustrato il complesso pensiero profetico dell’Abate florense, basato sulla teologia trinitaria della storia e sulla esegesi concordistica della Bibbia. Il Centro ha allestito una mostra permanente delle Tavole del Libro delle Figure nella navata esterna della chiesa abbaziale, inoltre, anno per anno, viene pubblicata la rivista del Centro “Florensia”, con una tiratura media annua di 1.000 copie, dal 1987 ospita articoli in più lingue e, di tutti offre una sintesi in inglese, in cui convergono i risultati delle ricerche e gli aggiornamenti sulla bibliografia di argomento gioachimita e che costituisce uno strumento fondamentale dei collegamenti e delle collaborazioni scientifiche tra gli studiosi di tutto il mondo. In collaborazione con il C.N.R. italiano e la Deutsche Forschungsgemeinschaft tedesca, si sono organizzati e tenuti cinque seminari di specializzazione post-università (nel 1990 a Berlino, nel 1991 a Bad Homburg, nel 1992 a San Giovanni in Fiore e nel 1993 a Praga, nel 1996 a San Giovanni in Fiore e nel 1998 a Parigi).

 

Nell’ottobre 2001, grazie all’interessamento del Centro, è stata portata alla luce una scoperta straordinaria: i resti del primo Protocenobio di Fiore costruito da Gioacchino nel 1196, in località Jure Vetere. Il sito, segnalato dal proprietario del fondo, è stato rinvenuto attraverso l’impegno della Scuola di specializzazione in archeologia classica e medievale di Matera e all’indagine georadar condotta sui piani fondali che hanno restituito la planimetria di un edificio cruciforme, composto da un vano laterale, una navata centrale e due piccole cappelle laterali chiuse. Il Centro è dotato di un patrimonio librario di grande rarità ed interesse e ha concentrato nella sua biblioteca gli strumenti dell’indagine e della ricerca (libri, codici, microfilm, videolettori, computer). Sta procedendo, inoltre, alla ricognizione della tradizione manoscritta delle opere di Gioacchino da Fiore sparsa su tutto il territorio europeo, ne sta microfilmando i codici ed ha avviato l’edizione critica definitiva degli “Opera Omnia” del grande Abate.

 

Per quanto riguarda il marchio del Centro Studi, questo non poteva che esser rappresentato dai Tre Cerchi Trinitari, scelta compiuta dai soci fondatori del Centro nel 1981: “la figura dei cerchi trinitari è una sintesi simbolica completa della teologia trinitaria e della teologia della storia di Gioacchino da Fiore,” come spiega il prof. Salvatore Oliverio, Presidente del centro Studi fino al 2009: “Essa inoltre esprime in modo armonico un potente senso geometrico di dinamismo, di ordine, di equilibrio e di compenetrazione.

 

Il Centro dispone di un buon sito internet, al quale è possibile accedere da ogni parte del mondo apportando il proprio contributo e ricevendo materiale, collaborazione e notizie; è interessante soffermarsi a scorrere il blog: è un esempio dell’alto valore attribuito a Gioacchino, che si evince dai numerosi messaggi di studiosi, ammiratori, universitari, che provengono da ogni parte del mondo.

 

Per ulteriori informazioni e contatti: www.centrostudigioachimiti.it

filo diretto 

Albo Pretorio on line 

Fatturazione Elettronica

PSC 

WebGis

Geoplan

Segnalazioni 

Amministrazione Trasparente 

Anticorruzione L.190/2012 

Calcolo IUC 

turni carburanti 

Cambio residenza in tempo reale 

PEC

Gli indirizzi PEC del Comune

PROGETTO “ADOTTA UN’AIUOLA” 

Contatti ! 

Ufficio Tecnico 

Ufficio Urbanistica 

Ufficio Tributi 

Pubblica Istruzione 

Allerta Meteo 

Attività Produttive

 

 

 

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

Comune di San Giovanni in Fiore
Piazza Municipio 87055 San Giovanni in Fiore (CS)
Tel. 0984 977111 - Fax 0984 991317
P.IVA 00348180787
Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome
HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.514 secondi
Powered by Asmenet Calabria