Consiglio comunale del 19 maggio 2021: approvato il Piano triennale delle opere

La categoria

20/05/2021

Consiglio comunale del 19 maggio 2021:

approvato il Piano triennale delle opere

 

Mercoledì 19 maggio, il Consiglio comunale di San Giovanni in Fiore ha approvato il Piano triennale delle opere pubbliche (2021-2023) e il relativo elenco riguardante il 2021. A favore hanno votato 11 consiglieri, tutti della maggioranza. Si sono invece astenuti Domenico Lacava e Salvatore Mancina; assenti i consiglieri Antonio Barile, Teresa Cannizzaro e Pietro Silletta. Prima dell’inizio della seduta, Lacava ha manifestato il proprio sentimento a favore della pace tra Israele e Palestina.

La sindaca Rosaria Succurro ha illustrato il Piano in discussione, sottolineando che per l’80% sono stati recuperati finanziamenti soggetti a revoca. Succurro ha quindi indicato le finalità del Piano: «fruizione dei boschi, dei laghi e dei parchi del territorio, restituzione di spazi pubblici, maggiore vivibilità, più sociale e meno social, nell’ottica di sviluppare attrattività, bellezza, economia». «Grazie al lavoro svolto – ha precisato la sindaca – abbiamo già in cassa 12milioni di euro per trasformare la città, investendo a favore del turismo e della cultura».

La sindaca ha poi elencato gli interventi previsti: «sistemazione del sito di Jure vetere sottàno, riqualificazione dell’area esterna all’Abbazia florense; messa in sicurezza dei costoni del Petraro e di via Virgilio; depurazione; adeguamento delle scuole comunali Dante Alighieri, Corrado Alvaro, di via Bellini e del quartiere Olivaro; consegna dell’isola ecologica; completamento, all’Olivaro, di 36 nuovi alloggi a canone agevolato; trasformazione, con belvedere, piazza e parco giochi, dell’area tra l’acquedotto del Bacile e la chiesetta di san Giovanni Battista, che verrà ripresa; realizzazione dell’isola pedonale in via Roma; recupero delle vie Livorno, Monte Terminillo e Kennedy; acquisto e restauro del mulino Belsito per scopi culturali; apertura dei cammini badiali», cioè gli antichi cunicoli che attraversano il centro storico. «Sono inoltre previsti – ha spiegato la sindaca – la valorizzazione dei villaggi rurali e di Lorica; l’efficientamento della rete fognaria; parcheggi e servizi nel lungolago dell’Arvo; la Cittadella dello sport nell’area del campo di calcio Saltante, a servizio delle associazioni sportive e di atleti e società di professionisti».

Salvatore Mancina, capogruppo di A testa alta, ha obiettato che nel Piano in argomento «c’è molto della precedente amministrazione», sottolineando che esiste «sempre una continuità tra le giunte municipali» e che «non è giusto trasformare i fatti».

Lacava, capogruppo del Pd, ha lamentato «il mancato coinvolgimento, sul punto all’ordine del giorno, della commissione» di competenza, nonché «la convocazione del Consiglio comunale a sole 46 ore dallo svolgimento», dicendosi «mortificato nei diritti e nelle prerogative». Giuseppe Bitonti, presidente del Consiglio comunale, ha contestato la ricostruzione di Lacava, invitandolo «ad ammettere la verità».

La sindaca ha ribadito il recupero dei finanziamenti, che «stavano per perdersi», e rimproverato a Mancina e Lacava che «potevano documentarsi chiedendo in anticipo gli atti, in modo da arrivare preparati in Consiglio comunale». Succurro ha aggiunto che «la superficialità mostrata da Lacava non è consentita, essendo già stato presidente del Consiglio comunale».

Dai banchi della maggioranza sono intervenuti Antonio Veltri, Noemi Guzzo, Salvatore Cocchiero e Cristian Bitonti, che hanno espresso un giudizio positivo sull’impostazione e sull’utilità del Piano triennale delle opere pubbliche. In particolare, Guzzo ne ha apprezzato l’indirizzo, anche per il rilancio di Lorica e per la vocazione turistico-culturale del Piano. La consigliera ha rimarcato che «fare il bene della città vuol dire partecipare». Veltri, Cocchiero e Bitonti hanno detto all’opposizione che «non bisogna sempre polemizzare, in quanto i cittadini attendono risposte».

indietro

Consiglio Comunale 22 Marzo 2021

torna all'inizio del contenuto